Recensione Jamestown+

Recensione Jamestown+

Recensione Jamestown+
Data di uscita
12 dicembre 2019
Piattaforma
Nintendo Switch
Genere
Azione, Sparatutto
Sviluppatore
Final Form Games
Modalità di Gioco
Giocatore singolo , multiplayer
Il nostro Punteggio
8.5

Recensione Jamestown+

Come suggerisce il nome, il gioco ospita un tema coloniale. Il Nuovo Mondo – er, Marte – è stato colonizzato dagli inglesi, ma ora gli spagnoli hanno chiesto l’aiuto dei marziani per prendere il pianeta da soli. Ci sono abbastanza personaggi storici qui per il tuo insegnante di storia delle scuole superiori a cui scuotere un dito, ciascuno accompagnato da un aereo fantascientifico.

Questo è uno dei numeri shmup, il che significa che il gameplay in gran parte, se non del tutto, consiste nel tessere tra proiettili e far esplodere roba. Non ci vuole molto per capire, dato che il gioco utilizza solo tre pulsanti e ha una curva di apprendimento corretta e costante. È uno di quei titoli avvincenti che è facile da imparare e da giocare ma davvero difficile da padroneggiare.

Tuttavia, ci sono alcuni strumenti per rendere il compito un po ‘più semplice. Vale a dire “vantare” – una mossa offensiva e difensiva che non solo ti fornisce uno scudo temporaneo, ma aumenta anche la quantità di danno che la tua nave fa e raddoppia la quantità di punti che ottieni uccidendo i nemici. È anche estremamente utile, se non essenziale per la tua sopravvivenza.

Per vantarsi, dovrai riempire un metro che corre sull’oro. I nemici lasciano cadere ingranaggi e bulloni dorati una volta che sono stati distrutti, ma poiché lo schermo è costantemente coperto di fuoco nemico, c’è un grande rischio di afferrare i piccoli ciondoli, dando al gioco l’ennesima possibilità di testare le tue abilità nelle manovre tra la folla di proiettili. Le cose si fanno intense quando ti trovi a confrontare il rischio con la ricompensa di prendere l’oro nei livelli successivi.

L’oro serve anche come valuta, permettendoti di acquistare nuove navi e modalità di gioco. Mentre ammiriamo che lo sviluppatore abbia fatto uno sforzo attivo per fornire contenuti ai giocatori, l’inclusione di un negozio è piuttosto inutile e supponiamo che sia stato lanciato solo per prolungare il tempo di gioco. Allo stesso modo, al fine di sbloccare nuovi livelli, dovrai rivisitare quelli vecchi su una difficoltà più difficile impostando abbastanza spesso. Questo non ci ha fatto infuriare, ma ha rallentato sostanzialmente il ritmo e ha completamente tolto valore alle difficoltà più basse.

Questa spinta da parte dello sviluppatore a far rivivere i giocatori ai vecchi livelli è particolarmente sconcertante se si considera che il gioco ha già una discreta quantità di contenuti. Per uno shmup, sette livelli e venti sfide sono più che gentili. Anche allora, ci sono una dozzina di navi uniche con cui giocare, quindi non siamo sicuri del motivo per cui ci sia mai stata la necessità di costringere i giocatori a tornare indietro.

Vale anche la pena notare che il gioco supporta la cooperazione locale. Fino a tre amici possono unirsi a te in questa missione attraverso Marte, e mentre eravamo scontenti di apprendere che non c’era supporto per il gioco online, l’inclusione di una classifica ha sollevato il morale.

A livello visivo, questo è l’ennesimo titolo che abbraccia un look anni ’90. Ma mentre la maggior parte degli altri critici ha confrontato la sua grafica con i giochi Genesis e Super Nintendo a 16 bit, questo scriba ritiene che lo stile presentato sia leggermente più moderno, quasi come se fosse stato preso direttamente da una console di quinta generazione come SEGA Saturn o l’originale Stazione di gioco. Ovviamente, entrambi gli approcci hanno il potenziale per affascinare i pantaloni degli appassionati della vecchia scuola, ma in un mercato indie saturo di giochi a 16 bit, in realtà abbiamo preferito l’inclusione di qualche altro pixel.

Recensione Jamestown+
Jamestown: Legend of the Lost Colony , noto anche semplicemente come Jamestown , è un scorrimento verticale shoot 'em up videogioco sviluppato e distribuito dalla forma finale Games nel 2011. Il gioco si svolge su Marte in un alternativo storia steampunk 17 ° secolo, dove la planet è una colonia britannica contestata dagli spagnoli e dagli indigeni marziani.
Gameplay
9
Grafica
8.5
Audio
8.5
Longevità
8
Reader Rating0 Votes
0
8.5

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gameplay
Grafica
Audio
Longevità
Final Score

Altre storie
L'ARENA WORLD CHAMPIONSHIP 2020 STA CAMBIANDO
L’ARENA WORLD CHAMPIONSHIP 2020 STA CAMBIANDO