World of WarCraft: Battle for Azeroth

World of Warcraft: Battle For Azeroth - Standard | Codice Battle.net per PC
About World of WarCraft: Battle for Azeroth

World of WarCraft: Battle for Azeroth

Storia

Pubblicato nel novembre 1994 su PC / Mac

Per secoli, il Titano caduto Sargeras ha complottato per cancellare ogni forma di vita su Azeroth. Per raggiungere tale scopo, Sargeras prese il controllo del Mago umano Medivh, costringendolo a contattare Gul’dan, uno stregone degli Orchi del mondo di Draenor.

Qui, i demoniaci servitori di Sargeras della Legione Infuocata distorsero le menti dei pacifici Orchi, trasformandoli in un’armata assetata di sangue che diventò l’Orda. Questo malvagio esercito attraversò il Portale Oscuro, un varco dimensionale creato da Medivh e Gul’dan, invadendo Azeroth e scontrandosi con la nazione umana di Roccavento. Aiutato dal Mezz’Orco Garona, il campione degli Umani Anduin Lothar cercò di proteggere valorosamente il regno, ma la potenza dell’Orda riuscì ugualmente a schiantare le difese di Roccavento. Come se la tragica caduta della città non bastasse, Garona tradì suoi alleati e assassinò il Re Llane Wrynn, suggellando la sconfitta della nazione.

Quando Rodrigo, il maestro di volo di Freehold, mi offre una modesta somma d’oro per vendicarsi dei pirati locali che lo hanno tormentato, non posso rifiutare. Chi non ama battere i bulli? Rodrigo mi chiede di volare in giro su uno dei suoi pappagalli giganti lasciando cadere le bombe sui briganti. All’inizio sembra un po ‘estremo, ma poi realizzo che Rodrigo non era letterale. Con la semplice pressione di un pulsante, un enorme stronzo verde erutta dalla regione inferiore del pappagallo e si deposita su un ignaro pirata. Da molto in alto, lo sento gridare “Agh, my eye!”

Benvenuti in World of Warcraft, un luogo in cui caccio le teste delle persone un minuto e un’ora dopo massacrando i civili che sono diventati irrimediabilmente infestati dalle lumache del cervello di Lovecraft. Non fraintendermi però, mi piace che WoW lampeggi tra serio e stupido. Battle for Azeroth abbraccia quella dualità tonale con convinzione. Il risultato finale è un paesaggio pieno di momenti che a volte sono cupi, a volte esilaranti e sempre divertenti.

Gran parte della battaglia di Azeroth è incentrata sulla storia del conflitto delle due fazioni. Spinto dalla scoperta di Azerite, lo strano minerale che apparve quando il titano Sargeras immerse la sua spada gigantesca nel pianeta di Azeroth, l’Orda e l’Alleanza sono saltati in una guerra a tutto campo – un grande passaggio dalla loro cooperazione di uccisione di demoni durante molto di Legione. Per la prima volta dall’inizio della storia di WoW, le zone e le quest per ogni fazione sono drammaticamente differenti. L’ultima volta che ci siamo messi in coppia per una recensione, hai rappresentato l’Alleanza e io ho riorganizzato l’Orda. Come sono andate le cose per te sul lato dell’Orda questa volta?

World of WarCraft: Battle for Azeroth

Sai, all’inizio, ero sconvolto dal fatto di essere stato “bloccato” a suonare come l’Orda. Le zone dell’Alleanza, con la loro città portuale e i temi dei pirati, mi sembravano interessanti. Ma mi sono innamorato di Zandalar, l’isola dei troll che i giocatori dell’Orda attraversano.

Zuldazar è diventato una delle mie nuove zone preferite di World of Warcraft. È la capitale dei troll Zandalari, e ha questa bellissima estetica simile a quella di Maya con piramidi, oro e decorazioni ornate all’interno di una fitta giungla. Oh, e ha anche dinosauri, che sono fantastici.

Le altre due zone sono un po ‘più familiari. Vol’dun è un deserto, e Nazmir è una palude infestata dal male. Ma mi sono comunque divertito a cercare in questi posti, grazie ai simpatici personaggi e alle nuove gare. La maggior parte del merito va alle nuove gare. Il Tortollan simile a una tartaruga, la Vulpera a base di volpe e il Sethrak a serpente aggiungono un tocco di sapore e personalità a queste isole.

E come qualcuno che non è innamorato della trama della guerra delle fazioni, ero felice che passasse in secondo piano rispetto ad altri complimenti mentre stavo livellando, concentrandomi sulle minacce interne e sui conflitti nelle nuove zone.

Review
  • World of WarCraft: Battle for Azeroth
    8.8Total Score
    ANALISI
      • PRO
        • Boss complessi e vari
        • Mappe di gioco molto ben fatte
        • Colonna sonora coinvolgente
      • CONTRO
        • Si sente poco la differenza tra il livello 110 e il 120
        • Alcune meccaniche di gioco sono discutibili
        • Troppi contenti incentrati sulla fortuna
    Game Details
    Game Poster
    Poster
    Languages
    Leave a Comment

    Login
    Loading...
    Sign Up
    Loading...